siria emergenza ragazzoIl grave conflitto in Siria ha già provocato 160.000 morti e oltre 7 milioni tra sfollati e rifugiati, costretti a lasciare le proprie abitazioni.
Accogliendo le numerose richieste di aiuto pervenute da Caritas Siria e dalle altre realtà ecclesiali attive sul territorio nel portare aiuti concreti, la Presidenza della Conferenza Episcopale Italiana ha stanziato un milione di euro, proveniente dai fondi dell’8xmille.
La somma viene affidata a Caritas Italiana, perché provveda ad affrontare la prima emergenza e a sostenere progetti di solidarietà.
A livello politico si susseguono inascoltate le richieste, in primis quella di Papa Francesco, per una tregua e per l’apertura di corridoi umanitari. Il Santo Padre ha ricordato “l’encomiabile sforzo di quei Paesi, soprattutto il Libano e la Giordania, che con generosità hanno accolto nel proprio territorio numerosi profughi siriani” e a maggio si è recato lui stesso in Medio Oriente per sostenere ogni sforzo per la pace in quella martoriata regione.
 Con soli 20 milioni di abitanti, la Siria si ritrova oggi con oltre il 35% della popolazione in gravi
condizioni di precarietà e a rischio vita.
Giordania, Libano, Turchia, Iraq, Egitto sono solo alcune delle nazioni che accolgono circa 2,5 milioni di rifugiati siriani.
Sono ormai più di 7 milioni i siriani bisognosi di assistenza, tra profughi in Libano, Giordania, Turchia, Iraq, Egitto, e sfollati interni .  
Caritas Siria è organizzata con una presenza in sei centri principali del paese: Damasco, Aleppo, Hassaké Litorale, Homs e Horan. Dall’inizio del conflitto, tre anni fa, è riuscita ad assistere un totale di 41.000 famiglie, oltre 260.000 persone, con viveri, medicinali, scuole, alloggi di emergenza.

 

Iraq: appello Caritas alla solidarietà e alla preghiera

Le notizie delle violenze nel nord dell’Iraq, in un Medio Oriente in fiamme, si susseguono senza sosta, e danno una tragica concretezza alle recenti parole di Papa Francesco: «Noi dobbiamo fermarci e pensare un po’ al livello di crudeltà al quale siamo arrivati. Ma questo ci deve spaventare!». La stessa Caritas Iraq per la prima volta negli ultimi anni è stata costretta a chiudere tre suoi uffici nelle località di Qaraqosh,  Bartilla e Alqosh e trasferire il suo staff a Erbil, il capoluogo della regione del Kurdistan, nel Nord dell’Iraq, e nelle località di Zakho e Dohuk, vicine al confine con la Turchia e la Siria, e ad Ainkawa.

 

Ormai si contano a centinaia di migliaia gli sfollati, in gran parte cristiani e Yazidi. In particolare a Zakho si concentra l’assistenza di Caritas Iraq alla minoranza religiosa degli Yazidi, molti dei quali sono sopravvissuti dopo essersi rifugiati sul monte Sinjar, in pieno deserto e con temperature altissime. La fuga di molte famiglie è stata così rapida che hanno portato con sé solo quello che avevano addosso; ora, come ci informa Caritas Iraq, il loro sguardi sono senza speranza, frustrati dal timore che il mondo non riesca a mettere fine a queste continue tragedie umane, una violenza “che vuole trasformare il mondo in una giungla”. La fuga verso il Kurdistan è comunque difficile e richiede attese anche di 8 ore ai posti di controllo, a causa dell’affollarsi delle persone. Una volta al sicuro, molte famiglie sono accolte e assistite dalla popolazione locale, ma molte sono costrette a dormire nei parchi pubblici, nelle chiese, che già erano abituate ad accogliere i rifugiati che provenivano dalla Siria, o in case in costruzione. L’assistenza non può che essere precaria, soprattutto dal punto di vista igienico, e a tutto ciò si unisce il timore di non sapere se mai potranno ritornare nei loro villaggi di origine.


Caritas Iraq ha scelto di concentrare la maggior parte delle sue attività nei villaggi vicini a Duhok, (Sarsank,Ineshky, Amadiya...) e a Zahko (Fishkhabour, Persephy, Derabon...). Sono zone non raggiunte da altre Organizzazioni straniere, ma ben note alla Caritas, che meglio conosce il territorio. Sono 5.000 le famiglie assistite con viveri, medicinali, rifugi provvisori, ma il loro numero è in costante crescita. L’impegno finanziario è notevole, supera il milione di euro e il contributo della rete Caritas continua a ad essere essenziale.

 

Radio Vaticana ha intervistato don Francesco Soddu, direttore di Caritas Italiana, proprio sul tema della crisi irachena e l'appello dei vescovi italiani, mentre Caritas Italiana è già in coordinamento per progetti di emergenza con:

  • Caritas Iraq, in costante contatto nei luoghi di accoglienza per assistere fino a 300.000 famiglie sfollate, circa 1 milione e mezzo di persone.
  • Caritas Libano, che ha iniziato ad accogliere il fiume di famiglie cristiane irachene che stanno scappando da Mosul e raggiungono familiari e amici che vivono nel paese, e che si aggiungono ai già tantissimi profughi siriani presenti.
  • Caritas Turchia, con molte famiglie che stanno raggiungendo il territorio turco per ricongiungersi con familiari e amici che già vivono in Turchia. La politica di accoglienza delle autorità turche e la relativa sicurezza del paese stanno favorendo l’ingresso di un numero sempre maggiore di rifugiati. Turchia sta assistendo queste famiglie sia al confine con l’Iraq che ad Istanbul.
  • Risultati dell’ultimo triennio del progetto Esodo

    progetto esodoUn convegno di straordinario interesse quello che si è tenuto questa mattina al Teatro Ristori di Verona...
    Continua

  • Progetto malga Vani e centro disabili

    malga vani e centro disabili

    lnaugurati dal Direttore della Caritas diocesana il caseificio di malga Vani
    ed  il centro per il recupero dei disabili a Tiblisi.
    Continua

Iscriviti alla Newsletter
Privacy e Termini di Utilizzo